Visualizzazione post con etichetta Pentola a pressione - CARNE. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Pentola a pressione - CARNE. Mostra tutti i post

sabato 19 gennaio 2013

Fusi di pollo arrosto.


La mia passione per la carne di pollo arrosto affonda le radici nei primi miei 10 anni di vita.
La nonna paterna sapeva fare un pollo arrosto divino. Andava da un contadino, famoso nella zona per allevare i suoi galletti con grande attenzione. Da polli felici.
Perciò di questo pollo che la nonnina arrangiava ed arrostiva al forno, ne mangiavo anche la pelle.
Croccante, profumata e saporitissima. Tutto accompagnato da una insalata fresca e croccante.
Devo deglutire, altrimenti sbavo sulla tastiera.

Memore di quelle esperienze gastronomiche che rasentavano l'estasi, oggi ho provato a cucinare i fusi di pollo in modo poi da poterli arrostire a mia volta.

La ricetta è semplicissima.
Prendete un paio di sacchetti per alimenti abbastanza capienti per i fusi che intendete cucinare.
Preparate una marinata con a piacere salsa di soia, spicchi d'aglio tagliati grossolanamente, succo di limone, due cucchiaini di miele, un cucchiaio di salsa worcester, pepe ed un po' d'olio d'oliva. Mescolate il tutto e dividete a metà nei sacchetti.
Ora suddividete i fusi tra i due sacchetti.
Chiudete, massaggiate la carne e lasciate marinare per un paio d'ore in frigo.


Trascorso questo tempo, ho messo a cuocere i fusi in pentola a pressione, con mezzo bicchiere d'acqua. Contare mezz'ora di cottura a partire dal sibilo abbassando al minimo la fiamma.

Scaldate il forno a 200°C in modalità statico.
Sistemate i pezzi di pollo, in una teglia coperta da carta da forno e fate arrostire insieme a delle patate da forno per circa 20 minuti, ad altezza media.

Servire in tavola caldo.

mercoledì 16 gennaio 2013

Ossobuchi di manzo in pentola a pressione.



 Era da tempo che volevo provare a cucinare gli ossobuchi e a giudicare dai complimenti dei miei commensali, sarà un piatto che rifarò sicuramente.

Ingredienti:
1 ossobuco per ogni commensale (io ne ho cucinati 4)
1 spicchio di aglio
1 rametto di rosmarino
4 foglie di salvia
mezzo bicchiere di vino bianco secco
mezzo bicchiere di acqua
1 bicchiere di latte
burro e 4 cucchiai di olio d'oliva per rosolare
farina
sale e pepe a vostro piacimento

Incidete con le forbici la membrana che circonda gli ossibuchi per non farli arricciare. Infarinateli da entrambi i lati.


Rosolarli in un tegame nel burro e olio, senza bruciare la farina, su entrambi i lati.
Versare il vino ed attendere che evapori.


Prendere la pentola a pressione, versare dell'olio d'oliva e unire le erbe aromatiche e lo spicchio di aglio schiacciato. Soffriggere per profumare l'olio.


Inserire gli ossobuchi, aggiungere il latte, l'acqua, sale e pepe.


Cuocere in pentola a pressione a  fiamma media. A partire dal primo fischio di vapore contiamo 40 minuti di cottura abbassando la fiamma al minimo.
Servire caldi.