Visualizzazione post con etichetta Carne. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Carne. Mostra tutti i post

domenica 30 novembre 2014

Pollo Montebianco


Era da tempo che volevo fare questa ottima ricetta.
Davvero semplice e gustosa, una volta assemblata, si cuoce in forno a 200 ° C fino a doratura.

Imburrare una pirofila, sistemare i petti di pollo che andranno aggiustati di sale e pepe.
Coprirli con del prosciutto crudo, poi con uno strato di spinaci lessati e strizzati.
Il tutto va coperto completamente con besciamella aromatizzata con la noce moscata.
Per guarnizione mettere del parmigiano grattugiato e del pane grattugiato.
Cuocere a 200° fino a doratura.


domenica 9 febbraio 2014

Arista con speck e arance.



Non so voi, ma con l'arista di maiale non sono mai riuscita a cuocerla in un modo decente. Infatti o era cruda o era dura come una suola da scarpe.

Questa volta però, complice le fettine di arancio che donano morbidezza alla carne, ho ottenuto un risultato tale da essere pubblicato sul mio blog.
La carne che andrete a servire, oltre ad essere morbida, sarà cotta perfettamente, profumata grazie alle erbe aromatiche e avvolta da croccanti striscioline di speck. Assolutamente tutto gustoso.
Ricetta di facile esecuzione e vi garantirà un piatto di grande effetto.

Ingredienti

arista di maiale (700/800 gr. circa)
150 gr. di speck a fette
2 arance rosse pelate a vivo
olio extra vergine di oliva
1 cucchiaino di sale fino
2 rami di rosmarino
4 grandi foglie di salvia
1 spicchio di aglio

Tagliare l'arista a libretto ottenendo delle fette di 1 cm circa di spessore. Non tagliare fino in fondo ma fermarsi a un centimetro dalla base.
Tritare l'aglio, con gli aghi di rosmarino e la salvia; aggiungervi il cucchiaino di sale e mescolare.
Tagliare a vivo le arance rosse e poi tagliarle a fettine sottili.
Mettere tra una fetta e l'altra il trito già salto, lo speck e un paio di fette di arancia.


Alla fine per compattare l'arista farcita, inserire due lunghi stecchini per spiedini da parte a parte.
 

Sistemare l'arista in una teglia coperta di carta forno e cuocere a 200°C per 40 minuti.

 
Dopo la cottura, lasciare riposare la carne per 10 minuti e servire.


Vi garantisco sulla bontà della ricetta.

domenica 9 giugno 2013

Nuggets di pollo al forno.




Una sera mentre cenavo con la mia famiglia, in tv trasmettevano una puntata di "Food Revolution" sul cibo sano nelle scuole americane, condotta da Jamie Oliver.
Quello che Jamie voleva dimostrare è che ne cibo industriale, nello specifico nelle nuggets di pollo, tra gli ingredienti c'è anche la pelle del pollo, le ossa. Materia prima omogeneizzata, insaporita, modellata a crocchetta e venduta in confezioni al supermarket.

A fine episodio eravamo tutti disgustati. Pensavamo a quante crocchette di pollo, wurstel, polpettoni confezionati in modo industriale avevamo mangiato. Da quella volta, non ho più comprato nulla di tutto questo.

I nuggets di pollo li facciamo noi e al forno. Sappiamo di cosa sono fatti e cosa utilizziamo nella ricetta. E devo ammettere che sono davvero molto più buoni.

Ingredienti:

2 petti di pollo interi
pane grattugiato
farina
uova
olio di oliva
1 spicchio di aglio
prezzemolo
sale - pepe - paprika

Tagliare la carne dei petti di pollo a cubetti, quando è possibile.
Marinare la carne in olio e aglio schiacciato per 2 ore, tenendolo in frigo.

Preparare 3 ciotole:
una con 6 cucchiai di farina
una con un 3 uova sbattute con la forchetta
una con 6 cucchiai di pane grattugiato in cui avrete aggiunto del prezzemolo tritato e della paprika a seconda dei vostri gusti.

Accendere il forno a 200°C .

Ogni cubetto di carne verrà passato prima nella farina, poi nell'uovo e in fine nel pane grattugiato.
Se volete le crocchette con la doppia impanatura dovrete ripetere questi 3 passaggi.

A mano a mano che formerete le crocchette, appoggiatele su una teglia coperta di carta da forno.
Cercate di dividere le crocchette grandi da quelle più piccole.
Le crocchette grandi cuoceranno in 15 minuti, le più piccole in 10 minuti  a forno già caldo.

Una volta cotto se volete aggiungere un poco di Dressing  saranno assolutamente perfetti!


domenica 12 maggio 2013

Arrotolato di carne con emmenthal e carote.



Ecco una ricetta facile, accompagnata dagli asparagi che sono di stagione.

Per gli ingredienti base mi rifaccio alla ricetta dell'Arrotolato di carne con frittata e spinaci.
Ovviamente qui c'è un ripieno diverso a base di striscioline di Emmenthal e carote lessate e tagliate in modo irregolare al coltello.

Ingredienti per l'impasto di carne: 
250 gr. di carne macinata mista bovino/suino 
125 gr. di mortadella a fetta unica
125 gr. di polpa di salsiccia
80 gr. parmigiano grattugiato
60 gr. di mollica di pane ammollata nel latte e strizzata
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 uovo
pangrattato se occorre
sale, pepe e noce moscata.
 
Ingredienti per il ripieno: 

strisce di emmenthal
6 grandi carote lessate e tagliate in modo irregolare

Occorrente: carta da forno larga e un grazioso gambo di prezzemolo per decorare
 
Preparata la base di carne, vado a sistemare il ripieno.
 
 
  
Delicatamente, con l'aiuto della carta da forno, arrotolo l'impasto.
Avvolgo delicatamente l'arrotolato della carta da forno, chiudendo bene i lati e lo dispongo in una pirofila con il bordo un po' alto, affinché contenga una eventuale fuoriuscita di succhi.
Cuocio in forno a 200° C per 45 minuti, nella parte bassa.
Prima di aprire l'involucro, deve essere freddo. Così non si romperà.

 
 

sabato 30 marzo 2013

Pollo arrosto con patate.



E' il sabato prima di Pasqua. Ha ricominciato a piovere e ci sono 8° C.
Purtroppo in questo inverno che sembra non finire mai, tantissimi hanno rinunciato al pranzo in giardino con in parenti, perché fa freddo. Normalmente di dovrebbero essere il doppio dei gradi che ci sono oggi.
Per non farsi prendere dalla malinconia che questi nuvoloni grigi che ci girano sopra alla testa da troppo tempo, portano con sé, meglio cucinare qualcosa di buonissimo, accendendo il forno.

Ingredienti:

4 sovracosce di pollo
una teglia di alluminio della grandezza che deciderete voi in base ai commensali
patate dalla buccia rossa
2 cucchiaini di sale fino , pepe, aghi di rosmarino, 2 spicchi di aglio
olio e.v.o

Accendere il forno a 200° C.
Pelare le patate, tagliarle a cubetti e metterle in una terrina con acqua fredda e una spruzzata di limone.
Sciacquarle un paio di volte per fare perdere l'amido.
Tagliare finemente l'aglio, con il rosmarino, il sale. Questo servirà per condire le patate e le sovracosce di pollo
Scolate completamente dall'acqua, in una grande ciotola mettere il sale odoroso, le patate a cubetti e la carne.
Mescolare per distribuire gli aromi, aggiungere l'olio e.v.o.
Versare il tutto in una teglia di alluminio.


Cuocere a 200° C a forno statico, nella parte media del forno, fino ad arrostire il tutto.


Questo piatto non solo è buonissimo, ma aiuterà a ritrovare un poco di buonumore, in queste grigie giornate di Pasqua.

domenica 24 febbraio 2013

Manzo all'olio di Rovato.



Da alcune settimane condivido a turno, l'auto con un mio collega di lavoro. E' un modo per risparmiare qualche decina di euro, ma anche per condividere il tempo di percorrenza e renderlo più ricco.
Tra le varie tematiche che abbiamo affrontato durante il car-sharing, ovviamente non poteva mancare la cucina. In questo modo, avendo il mio collega origini bresciane, mi ha spiegato come si cucina il manzo nel suo paese. Il manzo all'olio di Rovato; paesino sito in Franciacorta, famoso da secoli per il commercio della carne, dove si cucina questa specialità.  Ovviamente nel tempo sono state sviluppare dalle cuoche delle famiglie di questo paese, dei modi leggermente diversi di cucinare questa carne.
Con l'aggiunta di ingredienti, sempre del territorio.

La ricetta che mi è stata data è questa, con cottura prolungata, che ho dimezzato con la pentola a pressione.

Ingredienti:

1,5 Kg di polpa di manzo di prima qualità, cappello del prete
1 bicchiere di olio e.v.o. cioè circa 200 gr.
3 carote,
3 coste di sedano verde
1 grossa cipolla
4 grossi spicchi di aglio
1 bicchiere di vino bianco secco. cioè circa 200 gr.
una decina di filetti di acciughe sott'olio
alcuni capperi desalati
un mazzetto di prezzemolo
sale a piacere

burro e farina per  il "beurre manié" o burro maneggiato, da unire al fondo di cottura

Tritare l'aglio ed i capperi, che useremo per steccare la carne.


Prendete il pezzo di carne e con un coltello a lama stretta e ben affilata, incidete profondamente fino a metà dello spessore del pezzo, su tutti i lati.


Formando delle cavità nelle quali introdurre il trito di acciughe e aglio.






Terminata l’operazione di steccatura della carne, infarinatela con farina bianca.
Utilizzate una casseruola che contenga il più esattamente possibile il pezzo di carne, e portate in temperatura 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, facendovi rosolare la carne su tutti i lati, sino ad ottenere una crosticina.


Ho proseguito la cottura in pentola a pressione, dove ho versato l'olio e.v.o, il vino e ho sistemato al centro la carne. Poi ho tagliato in modo grossolano, la cipolla, le carote ed il sedano, mettendole intorno alla carne.
Ho messo sul fuoco la pentola a pressione portando a bollore. Dopo il fischio ho abbassato la fiamma al minimo ed ho lasciato cuocere per 75 minuti. In pentola tradizionale la cottura sarà più lunga, di circa due ore - due ore e mezza.
A cottura avvenuta, lasciare raffreddare la carne in pentola. Poi ponete la carne su un tagliere, tagliando delle fette spesse un centimetro. Sistemarle su un piatto da portata.
Il fondo di cottura va filtrato e ristretto sul fuoco con il burro maneggiato.
Quest'ultimo, si fa ammorbidendo il burro a temperatura ambiente e poi lavorandolo con una forchetta, sino a formarne un impasto malleabile, poi aggiungere pari peso di farina, poco alla volta.
Il burro maneggiato si aggiunge alle salse calde, i fondi di cottura, poco per volta e lavorando costantemente con la frusta.

Ora, la carne che avere composto, tagliata in fette uguali, distese le une sulle altre, la dovrete irrorare con abbondante fondo di cottura ristretto e molto caldo.

Portate subito in tavola e godetevi i complimenti dei vostri commensali.

giovedì 21 febbraio 2013

Mega hamburger fasciato con bacon




Questa non è una vera ricetta, piuttosto un esperimento condiviso, che è piaciuto moltissimo.
Di quei piatti veloci e creativi che tutte siamo costrette ad improvvisare con quello che abbiamo, da preparare in fretta per cena.

Ingredienti (quello che c'era in frigorifero e in giro per la casa):

1 confezione di bacon affumicato in fette sottili
600 gr. di carne bovina macinata
1 cipolla rossa
2 tuorli
sale e pepe
2 cucchiai di salsa Worchester
5 cucchiai di pane grattugiato per amalgamare
3 cucchiai di olio di oliva
4 cucchiai di Parmigiano Reggiano

Tritare la cipolla e metterla in una ciotola con tutti gli ingredienti, tranne il bacon.
Formare un impasto omogeneo.

Prendere una piccola padella antiaderente e foderarla di bacon.



 Sopra al bacon, sistemare la carne come fosse un mega hamburger.


 Il bacon che deborda dall'hamburger lo dovete sistemare sopra alla carne macinata.

Riponete la padella sul fuoco medio per 10 minuti. Poi abbassate la fiamma a fuoco medio basso, fino a quando la pancetta sarà croccante.

Rovesciare delicatamente il mega hamburger sull'altro lato e lasciare cuocere a fuoco medio basso fino a che diventa croccante.

Sistemare in un piatto di portata ed accompagnare con verdura fresca.





domenica 17 febbraio 2013

Recuperare la carne del brodo.




La crisi aguzza l'ingegno. Ecco una ricettina di recupero per non sprecare nulla.

Quello che ho riutilizzato sono i pezzetti di carne che ho usato per fare il brodo (vedi ricetta per il brodo), che normalmente avrei buttato via. Ma ora un po' perché ci si deve abituare a non disperdere nulla, e un po' perché c'è anche un senso di sfida nel farlo, l'impegno deve essere messo anche nell'inventare piatti poveri, ma saporiti, con quello che si ha.

Ingredienti:

Vi serve la carne del brodo, fredda di frigo, in modo da riuscire a pulirla perfettamente dal grasso.
Una grossa cipolla
Due peperoni di diversi colori
un po' di concentrato di pomodoro
50 ml di acqua
sale, pepe, dado granulare

Pulite la carne dal grasso e tagliarla nel senso delle fibre, facendone delle fettine o bastoncini.


Soffriggere la cipolla tagliata a fettine in olio e.v.o.
Aggiungere i peperoni tagliati a quadretti e aggiustare di sale, pepe e aggiungere un po' di dado granulare per arricchire il sapore. Versare l'acqua e il concentrato di pomodoro. Mescolare

Cuocere con il coperchio, a fuoco medio per 20 minuti.


Aggiungere la carne, mescolare e cuocere altri 20 minuti per insaporire e uniformare i sapori.


Servire caldo con abbondante pane per raccogliere il sugo.
^__*


sabato 26 gennaio 2013

Mortadella alla piastra - Roasted Bologna



Vi propongo un piatto velocissimo, economico e gustoso.

Vi bastano un sacchetto di insalata mista, già lavata, che andrete a condire a vostro gusto.
Una confezione di Mortadella che taglierete a fette spesse 1 centimetro. Che taglierete in 4 parti, togliendo la pellicola esterna.

In una padella mettete ad appassire dello scalogno e poco dopo mettete i pezzetti di mortadella, che facciamo rosolare a fiamma media per una paio di minuti per parte.


A fine rosolatura, i pezzetti vanno messi su un piatto coperto da carta da cucina, in modo da fare assorbire l'olio in eccesso.

Poco dopo si impiatta con un ciuffo di scalogno per ogni spicchio e una porzione di insalata.

Buon appetito!

sabato 19 gennaio 2013

Fusi di pollo arrosto.


La mia passione per la carne di pollo arrosto affonda le radici nei primi miei 10 anni di vita.
La nonna paterna sapeva fare un pollo arrosto divino. Andava da un contadino, famoso nella zona per allevare i suoi galletti con grande attenzione. Da polli felici.
Perciò di questo pollo che la nonnina arrangiava ed arrostiva al forno, ne mangiavo anche la pelle.
Croccante, profumata e saporitissima. Tutto accompagnato da una insalata fresca e croccante.
Devo deglutire, altrimenti sbavo sulla tastiera.

Memore di quelle esperienze gastronomiche che rasentavano l'estasi, oggi ho provato a cucinare i fusi di pollo in modo poi da poterli arrostire a mia volta.

La ricetta è semplicissima.
Prendete un paio di sacchetti per alimenti abbastanza capienti per i fusi che intendete cucinare.
Preparate una marinata con a piacere salsa di soia, spicchi d'aglio tagliati grossolanamente, succo di limone, due cucchiaini di miele, un cucchiaio di salsa worcester, pepe ed un po' d'olio d'oliva. Mescolate il tutto e dividete a metà nei sacchetti.
Ora suddividete i fusi tra i due sacchetti.
Chiudete, massaggiate la carne e lasciate marinare per un paio d'ore in frigo.


Trascorso questo tempo, ho messo a cuocere i fusi in pentola a pressione, con mezzo bicchiere d'acqua. Contare mezz'ora di cottura a partire dal sibilo abbassando al minimo la fiamma.

Scaldate il forno a 200°C in modalità statico.
Sistemate i pezzi di pollo, in una teglia coperta da carta da forno e fate arrostire insieme a delle patate da forno per circa 20 minuti, ad altezza media.

Servire in tavola caldo.

mercoledì 16 gennaio 2013

Ossobuchi di manzo in pentola a pressione.



 Era da tempo che volevo provare a cucinare gli ossobuchi e a giudicare dai complimenti dei miei commensali, sarà un piatto che rifarò sicuramente.

Ingredienti:
1 ossobuco per ogni commensale (io ne ho cucinati 4)
1 spicchio di aglio
1 rametto di rosmarino
4 foglie di salvia
mezzo bicchiere di vino bianco secco
mezzo bicchiere di acqua
1 bicchiere di latte
burro e 4 cucchiai di olio d'oliva per rosolare
farina
sale e pepe a vostro piacimento

Incidete con le forbici la membrana che circonda gli ossibuchi per non farli arricciare. Infarinateli da entrambi i lati.


Rosolarli in un tegame nel burro e olio, senza bruciare la farina, su entrambi i lati.
Versare il vino ed attendere che evapori.


Prendere la pentola a pressione, versare dell'olio d'oliva e unire le erbe aromatiche e lo spicchio di aglio schiacciato. Soffriggere per profumare l'olio.


Inserire gli ossobuchi, aggiungere il latte, l'acqua, sale e pepe.


Cuocere in pentola a pressione a  fiamma media. A partire dal primo fischio di vapore contiamo 40 minuti di cottura abbassando la fiamma al minimo.
Servire caldi.

sabato 5 gennaio 2013

Pollo alle mandorle e bambù.



Oggi posto una ricetta di cui vado particolarmente fiera. Era da tempo che volevo prepararla, ma alleggerita rispetto a quella che ho mangiato in vari ristoranti cinesi.

Ristoranti che propongo piatti inventati per noi europei, poiché in Cina si mangia in modo diverso.

Ingredienti:

500 gr. di petto di pollo
1 scalogno
farina
4 cucchiai di olio d'oliva e.v.o.
3 cucchiai di salsa di soia dolce + 2 cucchiai di acqua
130 gr. di mandorle pelate
una confezione di bambù già tagliato

Tagliare le mandorle e fatele tostare in padella.


Pulire il petto di pollo privandolo del grasso e della membrana trasparente e tagliatelo a rombi di 4 centimetri.


Tritare lo scalogno e soffriggerlo in olio d'oliva.
Passare i pezzetti di pollo nella farina e setacciarli.


Metterli in padella e spadellare da veri chef! Fate salatare per qualche minuto, poi abbassare la fiamma e aggiungere il bambù.


Cuocere per 10 minuti poi aggiungere la salsa di soia e l'acqua e spadellare per omogeneizzare il sapore. Aggiungere le mandorle all'ultimo.


Portare in tavola caldo.