Visualizzazione post con etichetta Cioccolato. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cioccolato. Mostra tutti i post

domenica 6 novembre 2016

Crostata alla zuppa inglese.



Purtroppo la foto di presentazione di questo dolce non le rende giustizia perché è ha riscosso parecchio successo.
L'ho preparata per festeggiare il compleanno al lavoro ed ho potuto scattare la foto solo durante il festeggiamento. Perciò stavolta niente impiattamenti canonici, ma una spontanea foto al volo.

INGREDIENTI:

Pasta frolla da stendere abbastanza sottile ( qui la ricetta )
pan di spagna
crema pasticcera alla vaniglia e cioccolato
alchermes

Stendere il primo strato di pasta frolla;
Tagliare strati sottili di pan di spagna e coprire lo strato di frolla;
bagnarlo con l'Alchermes annacquato tanto quanto raggiunga il vostro gusto (io ho fatto metà e metà);
Stendere uno strato di crema alla vaniglia;
Stendere un secondo strato di pan di spagna che andrete a bagnare con l'alchermes;
Stendere uno strato di crema al cioccolato;
Chiudere con un ultimo strato di frolla sottile.

Cuocere in forno statico a 180 gradi fino a doratura.

sabato 9 aprile 2016

Muffins con miglio (senza glutine)


Ecco un grande classico della pasticceria...mondiale, in versione senza glutine e adatta a chi segue la dieta del gruppo sanguigno B. Mescolare prima tutte le polveri. A parte mescolare i liquidi e miglio, poi unire i due composti. Avendo il muffins una texture grezza, il numero massimo di giri per mescolare il composto finale dovrebbe essere di 13.
I Muffins sono pronti per essere informati.
Scaldare il forno a 180° C - la cottura sarà per 15 minuti
100 gr. latte di riso
70 gr. olio di vinaccioli
1 uovo
100 gr. miglio cotto
100 gr. farina di riso
100 gr. fecola
40 gr. cacao amaro in polvere
90 gr. di zucchero di canna
bicarbonato o mezza bustina di lievito chimico

sabato 10 gennaio 2015

Castagnaccio napoletano.




Nella mia regione l'Emilia Romagna decenni fa era frequente l'uso della farina di castagne. Oggi trovare sulle tavole preparazioni che la contengano è una vera rarità.
Poiché a me piace, volevo fare un dolce che potesse piacere a più persone possibili nella mia famiglia.
E sul numero di Ottobre 2014 della rivista Sale & Pepe c'era la ricetta del castagnaccio napoletano, che a fine lettura mi aveva completamente conquistata.

Ingredienti:
400gr. farina di castagne
100 gr. cioccolato fondente
1 litro di latte
6 tuorli
80 gr. di granella di mandorle
50 gr. di cedro candito a dadini (o anche arancio candito che ci sta benissimo)
80 gr. zucchero
60 gr. burro
un pacchetto di lamelle di mandorle
una presa di sale

Tritare il cioccolato e unirlo in un pentolino con il burro, far fondere a bagnomaria.
Setacciare la farina di castagne facendola cadere in una casseruola e versare a filo il latte mescolando con una frusta.
Unire il sale, lo zucchero e il cioccolato fuso, cuocere a fiamma bassa mescolando in continuazione per 5-6 minuti, fino a che il composto si addensa.
Lasciar raffreddare e unire i tuorli, la granella di mandorle e il cedro candito.
Versare il composto in una teglia imburrata a cerniera da 22 cm o una quadrata da 22x28 cm e
decorare con le lunette di mandorle.
Cuocere il castagnaccio a 160°C per circa 50 minuti.
Servire freddo.

Questo dolce ha una texture compatta e vellutata al palato. La granella di mandorle si ammorbidisce in cottura e l'eventuale amaro della farina di castagne, si attenua grazie al cioccolato ed al cedro.

Se avete ospiti, questo dolce tagliato a piccoli dadini da 3 x 3 cm e sistemati nei pirottini, vi farà fare una gran bella figura.

sabato 15 novembre 2014

Torta zucca e cioccolato fondente.



Quest'anno le zucche sono dolci e asciutte. Praticamente perfette. Le ho cucinate in tutte i modi e con il cioccolato direi che è una variante molto piacevole.

Per il guscio ho impastato la pasta frolla (qui la ricetta), l'ho stesa molto sottile e modellata all'interno di uno stampo e poi cotta a 180°C, con i fagioli secchi, per non farla gonfiare.

Una volta raffreddata, ho tolto i fagioli e vi ho messo questo ripieno a temperatura ambiente:

500 gr. di polpa di zucca cotta e passata
230 grammi di zucchero
  50 grammi di burro
   5 cucchiai di rhum
200 grammi di cioccolato amaro al 70%, spezzato grossolanamente.

Caramellare lo zucchero in una padella antiaderente.
Raggiunto bel colore dorato, unire la zucca e mescolare bene.
Inserire il burro e mescolare.
Mettere il cioccolato ed il rhum ed ho mescolato fino al loro completo assorbimento.

Una volta raffreddato il ripieno, l'ho versato e livellato nel guscio di frolla e rimesso in forno a 180°C per  10 minuti.

L'ho mangiata sia tiepida che fredda di frigo. E' sempre una meraviglia.

domenica 9 giugno 2013

Dessert al cioccolato fondente.



Io adoro follemente il cioccolato fondente accompagnato dalla panna montata leggermente zuccherata. E' una medicina per l'anima. Una mia amica che è sempre a dieta, dice che non vale la pena di mangiali perché i dolci stanno in bocca pochi secondi e tutta la vita sulle cosce.
Lo dice senza avere assaggiato questo dolce!
E' di facile esecuzione, tant'è che lo possono far anche i bambini.

Ingredienti:

170 gr. di cioccolata fondente al 70%
2 uova a temperatura ambiente
4 cucchiai di acqua
4 cucchiai di zucchero
50 gr. di zucchero semolato

Montare gli albumi a neve e metterli in frigo.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato, insieme all'acqua e al burro. Lasciare intiepidire.
aggiungere i 2 tuorli e mescolare bene.
Aggiungere gli albumi montati e mescolare dal basso verso l'alto fino a completo assorbimento.
Versare in coppette o bicchierini. E lasciare in frigo almeno un'ora.
Guarnine con panna montata leggermente zuccherata.

Vi giuro che è fantastico!

domenica 17 marzo 2013

Caramelle al cioccolato



Come ho già scritto, questo blog è il mio quaderno di ricette digitale on-line.
Quelle ricette che voglio tenere e condividere, perché mi sono piaciute per diversi motivi. Spesso oltre al sapore, come nel caso di questa ricetta, apprezzo il clima divertente che fa da contorno. Infatti le caramelle al cioccolato se riuscite, fatele con i vostri bambini, nipotini.

La ricetta l'ho trovata su Pinterest. Era una semplice foto tipo la mia, ma molto , molto più bella.
In calce ad essa un elenco ingredienti da miscelare insieme, con indicazione in spoons e cups.
Il bello è che per fare queste caramelle non è richiesta cottura o operazioni particolari.
Bastano carta da forno, e una base su cui impastare.
Divertente è l'utilizzo del latte in polvere per ricette. Io ricordo che lo utilizzavano certe pensioncine negli anni '70. Ma vi assicuro che me lo hanno rifilato anche qualche anno fa, in vacanza a Riccione in un albergo. In ogni modo questo tipo di latte, potrete usarlo anche per fare i gelati in casa.

Superato lo scoglio delle conversioni (una cup di farina è diversa da una cup di zucchero ecc..) poi si possono davvero miscelare gli ingredienti e dare forma alle caramelle.

Ingredienti;

150 gr. di miele all'arancio
90 grammi di cacao amaro in polvere, privo di grumi
5 ml. di estratto di vaniglia (o in alternativa la vanillina)
15 grammi di burro a temperatura ambiente
32 grammi di zucchero a velo
un presa di sale fino
157 grammi di latte scremato in polvere per alimenti
carta da forno

  • In una ciotola capiente, mescolare il miele, la polvere di cacao, l'estratto di vaniglia, usando un cucchiaio di legno.
  • Aggiungere il burro morbido e mescolare fino ad assorbimento.
  • Inserire lo zucchero a velo e la presa di sale, mescolare ancora fino a combinare bene gli ingredienti.
  •  Versare il latte in polvere poco alla volta e quando non riuscirete piu' ad usare il cucchiaio, impastate con le mani. Magari non dovrete nemmeno usare tutto il latte in polvere, il risultato finale sarà un impasto sodo, leggermente appiccicoso, ma maneggevole.




  • Formato l'impasto, appoggiatelo su un foglio di carta da forno. Lasciarlo riposare scoperto per 15 minuti.
  • Non meravigliatevi se assumerà una forma più schiacciata.
  • Prendete un altro foglio di carta da forno, appoggiatelo sopra all'impasto e formate un rettangolo, con uno spessore di 1,5 centimetri.
  • Tagliare delle strisce larghe 1 centimetro e suddividerle in caramelle.
  • Tagliare della carta da forno in rettangoli che possano contenere e conservare le vostre caramelle.
  • Una volta confezionate, conservatele in frigorifero.
 




Link convertitore Diana Desserts EN: QUI
Link convertitore (che io adoro!) per tipologia ingredienti EN: QUI
Link per acquistare il latte scremato per ricette IT: QUI - QUI -

sabato 26 gennaio 2013

Barrette di riso soffiato e Mars.


Barrette di riso soffiato e Mars: un dolce veloce per le merende pomeridiane invernali, ma anche per spezzare la fame durante la ricreazione di metà mattina a scuola.
Di solito ne preparo una grande quantità e una volta diviso l'impasto in barrette monoporzione, le avvolgo nella carta forno e le congelo. Non si altera il sapore, né in qualche maniera il prodotto finale.

Dovrete procurarvi pochi ingredienti per ottenere una golosità che piacerà a grandi e piccini.

Ingredienti:
1 confezione intera di Mars (6 barrette)
80 gr. di burro
180 gr. di riso soffiato
carta da forno

Sciogliere a bagnomaria le barrette di Mars tagliate a dadini, insieme al burro.
Mescolare in continuazione e quando tutto sarà liquefatto aggiungere il riso soffiato.
Amalgamare velocemente il tutto.
Versate il composto su un tagliere (che possa entrare in frigo) coperto da carta da forno, cercando di ammucchiarlo in un unico punto.
Coprirlo con un altro foglio di carta da forno e con il mattarello appiattirlo e dargli una forma rettangolare. Se ce la fate avvicinare i pochi chicchi che si staccano dall'impasto, spingendo la carta con le mani.
Formato un bel rettangolo dello spessore in un centimetro, tagliare le barrette, senza asportarle dal piano.
Mettere il tagliere con il nostro dolce in frigo per mezz'ora.
Trascorso il tempo necessario per rassodare il tutto potete sbranare immediatamente una barretta, incartarne qualcuna per le successive merende e l'eccesso nel congelatore.


 

giovedì 22 novembre 2012

Cioccolata calda di Ladurée



Da Parigi a New York, dal Giappone con sei tappe, al Cairo e Shanghai, da Mosca a Salvador do Bahia, da più di 15 anni, con immenso successo il Salon du Chocolat celebra la grande produzione cioccolatiera in giro per il mondo. Bologna, la mia città,  è stata selezionata come tappa italiana del circuito.
Reduce da questa esperienza credo di avere sviluppato una vera e propria dipendenza da questo meraviglioso alimento. Sono una adepta del cioccolato o chocoholic come dicono quelli che voglio far capire subito che sono troppo avanti, anzi sono davanti.

Per soddisfare l'ennesimo attacco di voglia di cioccolato, ho sperimentato la ricetta della  storica maison parigina, di cui possiedo il libro delle ricette dolci. Ultimamente hanno pubblicato anche la versione con le preparazioni salate, che non mancherò di regalarmi per Natale.

Ingredienti ( per ottenere 300gr. di prodotto ho diviso le quantità per 10 e moltiplicate per 3)

1 litro di latte
100 gr. di zucchero semolato
150 gr. di acqua
185 gr. di cacao amaro al 67% (io avevo quello al 70%)
  50 gr. di cacao amaro minimo al 80%

Portare a bollore il latte, con l'acqua e lo zucchero.
Spezzare il cioccolato ed aggiugerlo fuori dal fuoco, mescolando con una frusta da pasticcere.

Non vi sto a descrivere il profumo che ha invaso la cucina. Come atto di depravazione finale  ho aggiunto un cucchiaio di panna non zuccherata, leggermente montata.

Che dire...ho trovato un ottimo supporto per la mia felicità.  .^__*.




lunedì 18 giugno 2012

Biscotti extrafondenti.


Questi biscotti sono il risultato finale di un amore maniacal-compulsivo nei confronti del cioccolato fondente. Con improvviso desiderio di assaporare qualcosa di croccante, ma scioglievole e super cioccolatoso. Non hanno deluso le aspettative.

Sicuramente non sono da mangiare tutti i giorni, ma vi immaginate una colazione speciale con tutta la famiglia riunita? Meraviglioso.

Ingredienti:

200 gr cioccolato fondente al 70% di buona qualita'
25 gr burro
80 gr zucchero a velo
30 gr farina 00
1 uovo medio
1 cucchiaio di latte
la punta di un cucchiaino di lievito chimico per dolci
poche gocce di estratto di vaniglia
1 presa di sale fino

Iniziate subito con il riscaldare il forno a 180° C.
Fondere a bagnomaria o al microonde il cioccolato fondente, insieme al burro.
Sbattere l'uovo con lo zucchero, il latte,  fino ad ottenere un composto soffice e chiaro. Unire la farina setacciata insieme al lievito, l'aroma di vaniglia e la presa di sale.
Una volta intiepidito il cioccolato fuso insieme al burro, incorporatelo all'altro impasto. A questo punto il tutto si addenserà subito.
Lasciar riposare la pastella per 10 minuti. Nel frattempo foderate due placche da forno con carta apposita.
Utilizzando una saccapoche o un cucchiaino, formate dei mucchietti distanti almeno un paio di centimetri l'uno dall'altro.
Cuocere per 10-12 minuti a forno statico.
Prima di staccare i biscotti dalla placca lasciarli raffreddare completamente altrimenti potrebbero rompersi.

Se poi siete dei golosoni patentati come la sottoscritta, unite i biscotti con della panna montata non zuccherata.







domenica 4 luglio 2010

MOUSSE DI MASCARPONE E CIOCCOLATO FONDENTE


Questa ricetta è sublime.


Ingredienti per 4/6 persone, dipende da quanto mangiano:

250 gr. di mascarpone di prima qualità

150/200 gr. di cioccolato fondente al 55%, di prima qualità

100 gr. di zucchero bianco semolato (50 gr. per la mousse e 50 gr. per la panna)

30 gr. di cacao in polvere (zuccherato o amaro, secondo gusto)

200 gr. di latte fresco

Biscotti frollini, 1 per  porzione

Panna fresca pastorizzata da montare per dolci, per la guarnizione.


Procedimento:

Fondere a bagnomaria il cioccolato fondente.

Scaldare il latte ed aggiungere lo zucchero, il cacao in polvere ed il cioccolato fuso.

Mescolare con una frusta e lasciare raffreddare.

Raggiunta la temperatura ambiente del composto, aggiungere il mascarpone e mescolare con la frusta, fino ad ottenere una crema omogenea.

Prendete dei bicchierini e quello che credete opportuno per servire il dolce e metteteci per primo un frollino, leggermente bagnato con succo di frutta se lo servire a dei bambini, tipo pera, pesca o albicocca.

Se invece i destinatari saranno adulti, allora potete usare del marsala, del caffé ristretto o quello che pensate ci stia bene.

Versate la crema sul frollino e terminare la preparazione con un ciuffo di panna montata, leggermente spolverata con del cacao.




Di facilissima esecuzione, dopo qualche ora di riposo in frigo, sarà un idillio per le papille gustative.