Visualizzazione post con etichetta Video. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Video. Mostra tutti i post

domenica 12 marzo 2017

Kefir d'acqua: come farlo a casa e i suoi benefici.






Il Kefir d'acqua, è una bevanda fermentata brulicante di batteri benefici. Fortunatamente è molto semplice da preparare a casa ed è più appetibile rispetto ad altri tonici probiotici.
Simile nel sapore ad acqua mescolata a vino bianco leggermente frizzante, il kefir d'acqua è piacevole e anche i bambini ne possono bere.

I batteri benefici e lieviti presenti nei grani di kefir d'acqua metabolizzano lo zucchero, trasformandolo in una serie di benefiche sostanze come le vitamine del gruppo B, nonché enzimi alimentari.

I grani di kefir d'acqua sono piccoli, traslucidi, gelatinosi e sono composti da batteri assortiti tra cui Lactobacillus Hilgardii che dà loro loro l'aspetto cristallino. Adeguatamente curati e regolarmente coltivati, producono una meravigliosa bevanda ricca di probiotici che continuerà a crescere e riprodursi all'infinito. Perciò potrete iniziare a regalarla alle persone a cui volete bene.

                                            Vantaggi del kefir d'acqua

Il kefir d'acqua, come gli alimenti fermentati, sostiene la salute dell'intestino e il benessere del sistema immunitario. I batteri benefici nei grani di kefir d'acqua consumano lo zucchero in acqua e metabolizzandolo, producono una varietà di acidi benefici, degli enzimi alimentari, vitamine del gruppo B e batteri amici della nostra salute. Questo processo di fermentazione riduce anche il contenuto di zucchero presente nella bevanda.
Il kefir d'acqua presenta un pH piuttosto acido perciò si "difende" dai possibili inquinamenti batterici. Va comunque sempre conservato in frigorifero e consumato entro 2 o 3 giorni.

                                              Kefir d'acqua e alcool

Come tutte le bevande fermentate, la coltura di kefir d'acqua produce una piccola quantità di alcol. La gradazione alcolica del kefir d'acqua si aggira intorno allo 0,5% fino allo ​​0,75% a seconda di quanto tempo viene fermentata. In genere il grado alcolico è inferiore a quello che si trova in un eccesso di frutta matura che oscilla tra lo 0,9% e l' 1%.
La quantità di alcol dipende dal tipo e dalla percentuale di zuccheri inseriti, dal tempo di fermentazione e dalla quantità d'aria disponibile. In condizioni di anaerobiosi (senz'aria, quindi con il barattolo quasi pieno) prevalgono fermentazioni alcoliche ed avremo una bevanda più alcolica. Attenzione a non riempire troppo il vaso e a non chiudere troppo il tappo, la fermentazione produce CO2 (le bollicine dell'acqua minerale) che rischiano di rompere il vaso se la pressione diventa troppo alta!
                                              Grani di Kefir d'acqua

I grani sono una colonia simbiotica di batteri e lieviti. I chicchi tra le varie fermentazioni potranno crescere e riprodursi. Il Kefir d'acqua non deve essere fatto con grani di kefir di latte , che sono una diversa composizione dei batteri benefici e lieviti che si basano sul latte per crescere e riprodursi.
                                                      Attrezzatura

Per preparare il kefir d'acqua, avrete bisogno di un vaso di vetro e un colino. Per la seconda fermentazione che dà al kefir d'acqua la sua caratteristica frizzantezza, vi consiglio una bottiglia con il tappo.

                                   Ingredienti per la prima fermentazione

80 gr. di grani di Kefir
3 cucchiai di zucchero
1 fico secco o una prugna secca
1 limone biologico a fette

              Ingredienti per la seconda fermentazione per renderlo frizzante

liquido passato al colino della prima fermentazione
50 gr. di succo di frutta
pezzetti di frutta a piacere
2 cucchiai di zucchero

                                    Istruzioni per la prima fermentazione

1. Mettere 80 grammi di grani di kefir d'acqua in un vaso di vetro, versare lo zucchero, aggiungere un fico secco o prugna e un limone biologico a fette. Coprire il vaso con un tovagliolo fissato con un elastico. Lasciare che il kefir d'acqua a fermenti per 24 ore.
2. Filtrare con un colino. Eliminare il limone e il fico, ma tenere i grani di kefir d'acqua che possono essere immediatamente riutilizzati per una nuova fermentazione, oppure lasciateli in frigo, ricoperti con abbondante acqua non oltre una settimana.
3. Il kefir d'acqua può essere assaporato già dopo la sua prima fermentazione di 24 ore. Però si può anche fermentare una seconda volta. In questo modo si dà sapore al kefir d'acqua, avviando il processo di fermentazione secondaria, che si verifica in una bottiglia ben chiusa, che permette all'anidride carbonica di svilupparsi, producendo un kefir frizzante.
4. Per la fermentazione secondaria, versare 50 grammi di succo di frutta a vostra scelta o 1 cucchiaio di zucchero nella bottiglia. Poi versare il kefir d'acqua ottenuto dalla prima fermentazione. Sigillare la bottiglia, e lasciarlo fermentare altre 12 ore, tenendo presente che le temperature calde potranno accelerare il processo di fermentazione, mentre le temperature fredde lo rallenteranno. Potete iniziare a berlo oppure mettere la bottiglia di kefir in frigorifero per 3 giorni.

                                              Sostituti dello zucchero

I batteri benefici e lieviti che compongono i grani di kefir d'acqua hanno bisogno di dolcificanti calorici per vivere e riprodursi. Io uso lo zucchero semolato; tuttavia, è possibile sostituire con lo zucchero grezzo di canna o miele. Tenendo presente che il miele ha alcune proprietà antimicrobiche e può indebolire i grani di kefir d'acqua nel corso del tempo.

Per vedere un parere ancora più autorevole sulle proprietà del kefir d'acqua, vedere questo video

lunedì 5 aprile 2010

La cucina SOLARE

Dal canale di ConsumoMeno.
Cucinare in pieno inverno, con l'energia solare.



C'è anche il relativo blog, con argomenti e spunti imperdibili.